domenica 11 settembre 2011

Filej con la n'duja


Dalla piacevolissima vacanza nella terra del peperoncino per antonomasia, ho portato a casa una scorta di prodotti genuini e tipici della buona gastronomia calabrese. Tra questi non poteva mancare la prelibata e piccantissima n'duja (in alcune zone detta anche “nnuglia”) che sto usando non solo per fare dei crostini ma anche per insaporire tutti i miei piatti.
Ieri è stato l’ultimo giorno di mare ed oggi siamo rimasti a casa perché domani ricomincia la scuola e bisogna riorganizzarsi quindi ne ho approfittato per fare i "filej", pasta tradizionale calabrese preparata in casa, ricavata con un semplice composto di acqua e farina, arrotolata intorno a un ferretto a sezione quadrata o a un bastoncino di legno.
In alcune località i filej vengono serviti con un particolare sugo dovuto ad un soffritto di cipolla di Tropea con l’aggiunta di abbondante ‘nduja. Si può variare questo condimento, inserendo qualche pomodoro schiacciato o, come ho fatto io,  pezzetti di peperone e di melanzana nonché di pancetta e/o di salsiccia.
Se volete cimentarvi il procedimento l’ho già spiegato qui.
Le dosi per 250 gr di pasta fresca sono:
80g semola rimacinata di grano duro (Io ho usato "Molino Chiavazza")
80g farina 00 
(Io ho usato "Molino Chiavazza")
90g acqua.


Disponete la farina sulla spianatoia, aggiungete l’acqua e poco sale, impastate vigorosamente fino ad ottenere un composto ben sodo e liscio. Lasciatelo riposare per mezz'ora coperto da una ciotola, poi ricavate dall’impasto un rotolino da mezzo centimetro di diametro e tagliate ogni 5-6 centimetri di lunghezza. 
Appoggiate sul pezzettino ricavato l’apposito ferretto o giunco sottile, premete e fate rotolare il pezzettino intorno al ferretto ricavando così i“ filej”.
Ingredienti:
500 gr. di filej (in alternativa 400 gr di pasta secca tipo pennette rigate)
1 cipolla
1 peperone rosso, giallo o verde
una melanzana piccola
10 pomodori da sugo o 400 gr. di polpa di pomodoro
2 cucchiai di n'duja (la quantità decidetela voi a seconda del grado di piccantezza che riuscite a sopportare)
100 gr. di salsiccia spellata o di pancetta
olio extravergine di oliva
sale q.b.
basilico fresco
formaggio grattugiato a piacere
1 dl di panna da cucina

Procedimento:
Affettate la cipolla finemente e fatela imbiondire in un poco d’olio d’oliva con il peperone  e la melanzana tagliati a cubetti, la salsiccia (o la pancetta tagliata a dadini) e la n'duja. Aggiungete i pomodori tagliati a pezzetti e qualche foglia di basilico fresco, salate e cucinate a fuoco lento, mescolando di tanto in tanto, per una decina di minuti. Lessate al dente la pasta per pochissimi minuti, scolatela quando sale in superficie e conditela con  il sugo e la panna e/o con il formaggio grattugiato.
Questa ricetta partecipa al contest:
Buon inizio scuola.
Cannelle;-)

Altre mie ricette con la n'duja:
Pizza calabrese con la n'duja

3 commenti:

prezzemolino ha detto...

http://www.prezzemolino.com/ partecipa al contest per vincere una caraffa filtrante

Anonimo ha detto...

Viene voglia di rubarne un piatto!!!
Rosa

Fabiola ha detto...

grazie della ricetta inserita, baci.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...