lunedì 9 agosto 2010

Pizza calabrese con la n'duja




In questi giorni le temperature si sono un po’ abbassate perciò mi è venuta voglia di provare il mio nuovo fornetto (pizza express) per le pizze. . Grazie alla pietra refrattaria le pizze vengono benissimo, però bisogna prepararne una alla volta e i tempi di cottura non sono quelli indicati ma almeno triplicati.
Io ne ho preparate 4 di gusti diversi di cui due piccantissime con la n’duja calabrese (che, per chi non lo sapesse, è un insaccato spalmabile ottenuto da carne mista macinata con polvere di peperoncino). L’abbinamento con la cipolla di Tropea, dalla polpa rossa e dolcissima, ha reso queste pizze particolarmente saporite.

Per 2 Pizze calabresi alla n’duja occorrono:
Per la pasta:
300 gr farina 0(va bene anche solo 00, oppure 50% farina 00 e 50% 0,manitoba o semola)
150 ml circa di acqua tiepida (potrebbe servirne di più perciò aggiungetela un pò alla volta. Volendo potete sostituirla tutta o in parte con latte.)
15 gr di lievito di birra
1/2 cucchiaio di sale
10 gr zucchero (1 cucchiaino)
3 cucchiai di olio evo ( facoltativi)
 Per il condimento:
200 gr di polpa di pomodoro
100 gr di caciocavallo silano o mozzarella
1 cipolla di tropea
50 gr di salame n’duja spalmabile
2 cucchiai di olio evo
sale
Sciogliete il lievito e lo zucchero in poca acqua tiepida.
Disponete la farina a fontana sulla spianatoia e versatevi al centro il lievito diluito nell'acqua e, gradualmente,il resto dell' acqua e l'olio. Iniziate a mescolare con un cucchiaio, quindi proseguite impastando con le mani.
Quando l'impasto è ancora umido, aggiungete il sale e impastate con forza fino ad ottenere un composto dalla consistenza omogenea che non dovrà attaccarsi alle mani.
Continuate a tirarla con le mani, stendendola e raccogliendola diverse volte. Infine formate una palla, ponetela in una ciotola appena infarinata, incidetela a croce, copritela con un telo e lasciatela lievitare in un luogo tiepido per 
almeno un'ora.
Nota: Se avete a disposizione più tempo potete allungare i tempi di lievitazione e ridurre la quantità di lievito.
Su un piano infarinato stendete la pasta con le mani o con il matterello in modo da ottenere 2 pizze.
Cuocete in forno. 
Se usate la teglia: ungete leggermente una teglia rotonda, stendetevi la base di pasta e cospargetela con la polpa di pomodoro.
 Affettate le cipolle molto sottili, salatele, conditele con 2 cucchiai d’olio extravergine di oliva e cospargetele sulla pizza.
Tagliate il caciocavallo a dadini (se usate la mozzarella asciugatela su carta assorbente da cucina) e distribuitelo sulla pizza quindi condite con la n’duja e cuocete a 220°C per circa 20 minuti (10 nel ripiano più basso e 10 in quello centrale).
Se usate la pietra refrattaria: posizionate la pietra sotto il grill, scaldate bene il forno e poi accendete il grill. Infarinate una pala di legno, mettetevi sopra la pizza  e  lasciatela scivolare sulla pietra. Cuocete per circa 10 minuti.

Io ho usato il fornetto pizza express perciò ho infarinato la pala in dotazione , ci ho messo sopra la pizza, l’ho lasciata scivolare sulla pietra che avevo già fatto riscaldare bene ed ho fatto cuocere per 15 minuti circa.

Piccaaaaaantissime e squisite!!!

C@nnelle 

3 commenti:

Le pellegrine Artusi ha detto...

Mamma mia che fame a quest'ora...saporita e piccantella come piace a me. Bravissima!! ciao Simona e Claudia

giulia pignatelli ha detto...

buon ferragosto cara e che bella questa pizza!!

ღ Sara ღ ha detto...

che LIBIDINEEEEEEEEE
Ho il fornetto pure io ma non me lo ricordo mai!!
domani mi sa che una bella pizzetta ci sta!!!!
mi hai fatto venire fame....e ho appena cenato!!!!

un bacionissimo!!!♥

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...