giovedì 14 gennaio 2010

Linguine all'astice


Sapete la differenza fra astice e aragosta? Nonostante una superficiale somiglianza, si tratta di due crostacei molto diversi, imparentati solo alla lontana. Le differenze sono molteplici ma quella che li distingue a prima vista è la presenza di chele grandi nell'astice (infatti nei supermercati si vendono in acqua con le chele legate poiché potrebbero pizzicarvi o tranciarvi un dito).

L'aragosta è più polposa e saporita ma più costosa.
L'astice ha carni ottime ed ha prezzi più accessibili perciò eccovi un piatto prelibato da preparare e gustare a casa. 
Ingredienti X 4 persone:

2 astici vivi di 600-800 gr l'uno (Se usate quelli congelati seguite le istruzioni per la scongelazione)
350 gr di linguine o spaghetti
500 gr di pomodorini ciliegia o 700 gr di passata di pomodoro
1 spicchio d’aglio
basilico e/o prezzemolo
sale/pepe
olio evo

peperoncino a piacere


In una pentola dai bordi alti fate rosolare lo spicchio d'aglio nell'olio, aggiungete la salsa di pomodoro, il basilico, sale e pepe e cuocete per 15'. Lavate gli astici sotto l'acqua corrente, togliete gli elastici dalle chele facendo molta attenzione,  immergeteli interi nel sugo e coprite per evitare schizzi.







Cuocete per una decina di minuti a fuoco medio quindi  fate proseguire la cottura per altri 5/6 minuti scoperto e a fuoco vivace. Aggiustate di sale e spegnete.

Togliete gli astici, divideteli a metà per il lungo con le forbici trinciapollo e teneteli in caldo.


Condite le linguine col sugo preparato e guarnite ogni piatto con metà astice. 
Spolverizzate con il prezzemolo fresco e servite.








Se l'astice e l’aragosta li servite già divisi  e ricomposti dentro la corazza vanno bene forchetta e coltello da pesce.
Se servite l'astice intero, procuratevi l’apposita pinza rompi-chele (va bene anche un comune schiaccianoci) e la speciale forchettina lunga a due rebbi per estrarre l'ottima polpa dalle chele. Per gustare la polpa del  corpo invece usate la forchetta da pesce.
Insieme alle pinze portate in tavola, per ogni commensale, una piccola ciotola lavadita (profumata con una fettina di limone)  e una salvietta con la quale asciugarsi.

Vi consiglio di accompagnare questo piatto con un vino importante, meglio se con le bollicine! 
Un forte abbraccio di cuore alla mia amica Tania.
Cannelle;-))

6 commenti:

pagnottella ha detto...

Cara grazie per essere passata da me :-)
le tue ricette mi piacciono molto, sarà perchè sento il profumo della puglia ;-)
anch'io sono pugliese :-)
queste linguine sono prelibate, squisite!
Eseguo lo stesso procedimento senza il basilico, per le cicale di mare :-)
baci a presto!

Lo ha detto...

non sapevo la differenza tra astice e aragosta..interessante! Mi piace anche molto il tuo nuovo header del blog...la mia gnoma l'approva al 100%

CRI ha detto...

Buone le tue linguine, ma ho addocchiato già altri piatti mooolto imteressanti ;D Tornerò presto, a birciare e a copiare... ciaciaooo

Angela ha detto...

Molto ricco e interessante anche il tuo blog. Grazie mille per essere passata... ;)

tittina ha detto...

ciao Cannelle,ti ringrazio per essere passata a farmi visita.. nemmeno io conoscevo la differenza tra i due crostacei,mi piace molto anche la ricetta che deve essere buonissima..un abbraccio Tittina

colombina ha detto...

ma sai che non ho mai cucinato l'astice? Da provare, secondo te posso provare a non mettere il pomodoro? Complimenti per le tue meravigliose ricette!! Bacioni

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...